Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Merano - Mastini Varese 5-0

Merano - Mastini Varese 5-0  (3:0  1:0  1:0)

La partita aveva tutte le premesse per essere di quelle memorabili, ma per un insieme di circostanze non ha avuto probabilmente il giusto riconoscimento.

Nell'anticipo del turno del fine settimana, richiesto espressamente dalla formazione di casa e "imposto" dalla Federazione, Varese si è presentata a Merano con la difesa a ranghi ridotti a causa di impegni lavorativi che hanno tenuto lontano dal ghiaccio Lo Russo, Re e F. Borghi, oltre a P. Borghi e Di Vincenzo. La partita era in calendario il giorno 23 e nonostante la disponibilità del Varese a disputarla comunque nel fine settimana (data l'indisponibilità della MeranArena per giorno fissato), la Federazione ha accolto la rischiesta di anticipo infrasettimanale.

      Il primo tiro della partita lo scocca Schina dalla distanza e Tragust respinge. Lo stesso portiere si ripete pochi istanti dopo su una conclusione laterale di M. Mazzacane, ma il Merano passa in situazione di 4 contro 4: Nardi si trova solissimo a meno di 2 metri da Tura e lo batte inesorabilmente. I Mastini hanno subito l'occasione di pareggiare in superiorità numerica, ma fatica a produrre occasioni e la medesima difficoltà la incontra successivamente quando si trova per ben 4' consecutivi a giocare con l'uomo in più. Purtroppo non giungono conclusioni verso Tragust. Sul finale di periodo, forse nel momento migliore della formazione giallonera, due reti in meno di un minuto costruiscono il triplice vantaggio meranese. Prima una conclusione dalla distanza, destinata larga, viene deviata imparabilmente dal polpaccio di Lo Presti e pochi istanti dopo Ilic dietro la gabbia è troppo tenero su Nardi: lo scarico su Carpino è bello e l'aquila canadese scarica prepotentemente in rete il disco del 3 a 0.

I primissimi secondi del secondo tempo sono di marca varesina: M. Borghi per ben quattro volte spara sul corpo di Tragust da breve distanza, ma al primo powerplay concesso da Varese, la formazione di casa segna la quarta rete per merito di Borgatello che batte Tura dopo un'azione in solitaria. A questo punto la formazione giallonera prova ad alzare il baricentro e beneficia di alcune situazionidi uomo in più, senza però trovare la via della conclusione in porta. Quando i Mastini ci provano trovano Tragust molto attento e reattivo, come sulla staffilata di Odoni. Il motivo del secondo drittel racconta dei gialloneri che provano a giocare in avanti e riescono anche discretamente bene, ma senza impensierire la difesa avversaria.

          Nel terzo tempo i gialloneri mantengono il baricentro alto e rischiano poco, ma non hanno il ciniscmo per accorciare le distanze e il Merano ha gioco facile. Ancora una volta in situazione di 4 contro 4 i gialloneri pagano dazio subendo la quinta marcatura.

Partita sicuramente condizionata dalle pesanti assenze in difesa nelle fila dei Mastini. Ora è bene archiviare questa sconfitta e proiettarsi già alla prossima partita. I giocatori hanno una decina di giorni per recuperare fiato e forze in vista del prossimo impegno.

Mastini Varese