Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Como - Mastini Varese 3-9

Como - Mastini Varese  3 - 9  (0:4  0:3  3:2)

Larga vittoria giallonera nel derby lombardo. Un Como, ombra di sè stesso, non riesce in alcun modo a impensierire il Varese e l'ampio punteggio di 9 a 3 è sufficiente per commentare la prestazione bosina.

Che fosse un "derby" lombardo molto sentito e atteso, probabilmente in misura maggiore rispetto agli ultimi anni, dove non si sfidano più due compagini impegnate per la lotta "salvezza", si sapeva. Il Varese è proiettato nelle prime posizioni di classifica e il Como apprare in forte crescita nelle ultime giornate veleggiando all'inseguimento del Valdifiemme verso la settima posizione. Non tutte le attese sono state mantenute a causa della formazione di casa apparsa molto imprecisa e un po' troppo tenera. Da segnalare un'atmosfera delle grandi occasioni ricreata dai tanti tifosi dei varesini giunti a Como a incitare i ragazzi gialloneri.

      Primo periodo di dominio totale dei Mastini che creano subito densità in avanti e dopo un paio di tentativi è Asinelli a sorprendere Tesini, infilando il disco tra palo e portiere da posizione impossibile e molto defilata. Il Como non ha nemmeno il tempo di abbozzare la reazione ed è Franchini a segnare il raddoppio dopo una bella discesa di Schina, il cui assist va solo spinto in porta. Il Como si fa vedere con una bella conclusione di Xamin ben parata da Tura, ma sono i gialloneri a macinare gioco e Testini è bravo su Tedesco, prima di venire letteralmente graziato da Asinelli e da Franchini i quali spediscono alto da posizione più che invitante. Quando il Como potrebbe accorciare le distanze grazie ad una doppia superiorità numerica, sono i Mastini che con due uomini in meno trovano la terza rete grazie a Ross Tedesco. Tura è chiamato successivamente ad una grande parata e prima della prima sirena c'è spazio ancora per il tocco vincente ravvicinato di M. Borghi, ben servito da Franchini.

Il secondo drittel si apre con la formazione di casa un po' più propositiva, ma altrettanto imprecisa. I gialloneri ne approfittano. Prima Tedesco raccoglie un regalo degli avanti comaschi e galoppa per una quarantina di metri in solitaria verso la gabbia avversaria: gioco di stecca e disco in porta. Non passa molto tempo per vedere il sesto gol e il merito è di Perna che con una sua azione trascina Franchini verso la porta, abile a realizzare il tap-in vincente. Nemmeno un paio di minuti ed è Perna a scrivere il suo nome sul tabellino dopo una buona iniziativa di Odoni e Raimondi. Lo stesso Odoni si rende protagonista di una infrazione che gli costa penalità partita e il secondo periodo termina senza particolari altre emozioni.

Nel terzo tempo il Como perviene al pareggio con Formentini che, in superiorità, supera il neo entrato Menguzzato. Gli animi si scaldano e la superiorità tocca a Varese, ma non sortisce grandi effetti. Il portiere d'Agate, entrato sullo 0-6, si dimostra affidabile e pronto, compiendo ottimi interventi e limitando un passivo che poteva essere ben peggiore, nonostante altre due reti subite. Trovano tre reti anche i lariani che servono unicamente per la statistica.

Ora testa alla prossima partita, sabato 14 al Palalbani contro Unterland Cavaliers alle ore 18.30.

Mastini Varese